Archivi categoria: News

Call – Training Course B.O.M.B. (Erasmus+)

Training course (Erasmus+):
B.O.M.B.: Building Organisation’s Media Brand

Luogo: Londra, United Kingdom

Date: 6-15 novembre 2018

Numero di partecipanti: 3 italiani e 34 totali

Nazioni partecipanti: Italia, UK, Grecia, Lituania, Bulgaria, Spagna, Lettonia, Polonia, Romania, Repubblica Ceca

Struttura del progetto:
#1 Training Course // 6 – 15 November, London, UK
– Conoscenze in media literacy
– Fare pratica in filmmaking (pre-produzione, produzione, post produzione)
– Scoprire come promuovere e diffondere video online
– Adattare Media Literacy ai propri metodi di lavoro e gruppi target
– Creare un video promozionale per un iniziativa no profit di Londra
– Creare il proprio piano di azione per la fase pratica locale
#2 Local Action Phase // Nov – Dic 2018 e Gen 2019, in Italia e in ogni paese partecipante

INFOPACK: https://drive.google.com/…/1mDNmYXtPmpGd98fmuk0BKHnF5…/view…

Per candidarsi scrivere a office@associazioneottovolante.com e compilare il form di candidatura al seguente link: https://docs.google.com/…/1FAIpQLSe29sH8dyeTRYJBq6…/viewform

Scadenza: 27 settembre 2018

Call – Rehersal for Life – Teatro degli oppressi – (Erasmus+)

REHERSAL FOR LIFE
Teatro degli Oppressi
Long term training course (Erasmus+)

Il progetto prevede 2 corsi di formazione e 2 fasi pratiche in cui ogni gruppo nazionale realizzerà performance di Teatro Forum nel proprio paese.

Corsi di formazione:
– Busteni, Romania (11 – 20 gennaio 2019), per lo sviluppo di competenze base in Teatro dell’Oppresso
– Isola di Madeira, Portogallo (7 – 16 giugno 2019), per lo sviluppo di competenze avanzate in Teatro dell’Oppresso

Costi di vitto, alloggio e trasporti sono interamente coperti. Si richiede la partecipazione a entrambi i training.

Scadenza candidature: 1 ottobre 2018

Per ricevere tutte le informazioni e il form di candidatura scrivere a office@associazioneottovolante.com

EMIGRAR – Hugo Trova in concerto

EMIGRAR
Hugo Trova in concerto

Ispirato da testi di Eduardo Galeano, Mario Benedetti, Erri de Luca e dalle musiche di Mario Viglietti, Dino Chiarlo, GianMaria Testa ed altri, con testi e musiche del suo percorso di cantautore.
Un’occasione unica per avvicinarsi alla ricchissima cultura uruguaiana !

Di origine italiana ed esponente del movimento Canto Popular Uruguayo, Hugo Trova – classe 1955 – è un cantautore uruguaiano. La sua militanza politica lo porta, dopo il golpe del 1973, a rifugiarsi in Argentina.
Tornato in patria nel 1978, Trova continua a esibirsi nonostante le limitazioni imposte dal regime.
Arriva per la prima volta in Italia nel 1983 per poi instaurare uno stretto rapporto con il nostro Paese e con la città di Bologna. Sono numerose le sue collaborazioni con artisti italiani, si segnalano fra tutte quelle con Claudio Lolli e GianMaria Testa.

Sabato 22 settembre / dalle ore 20
con vino, empanadas e assaggi

– Ingresso gratuito –

Graf San Donato
Piazza Spadolini 3

DCA Evaluation Meeting (Ibadan, Nigeria)

Si è tenuto a Ibadan in Nigeria, dal 18 all 22 luglio, l’evaluation meeting del progetto “Differences Challenge Assumptions”, in cui si sono riuniti i partners e i moltiplicatori provenienti da 4 continenti: Africa, Sud America, Asia e Europa.
Durante l’incontro sono stati analizzati e discussi vari aspetti del progetto, delle attività locali realizzate in ogni paese, aspetti di coordinamento, valutazione dei risultati, degli impatti e pianificazione della fase di disseminazione. Nei prossimi mesi verranno diffusi il manuale e il gioco online realizzati nell’ambito del progetto.
Il progetto DCA si realizza con il supporto del programma Erasmus+ dell’Unione Europea.

BANDO – Territori d’arte, otra vez

nuovo progetto rivolto a discendenti di emiliano romagnoli residenti in Argentina, Cile, Uruguay e Venezuela

8 giovani impegnati in campo artistico parteciperanno al programma di 4 settimane a Bologna e nella regione Emilia-Romagna

BANDO IN ITALIANO:
https://drive.google.com/…/1XWnfKVv_QFHgd_bAJVxx9GnOG…/view…

BANDO IN SPAGNOLO:
https://drive.google.com/…/1AtRWFbg68zMQ97Fi8fjRZE8py…/view…

E’ possibile inviare la propria candidatura fino al 11 luglio 2018

Il progetto si realizza con il contributo dell’Assemblea Legislativa – Consulta degli emiliano romagnoli nel mondo

MUSEI PAESE MUSEO

MUSEI PAESE MUSEO è un progetto urbano di arte contemporanea promosso dal Comune di Musei e dall’Associazione Turistica Pro Loco Musei, in collaborazione con Claudio Rosa, Vicepresidente dell’Associazione Ottovolante Sulcis e curatore dell’iniziativa, e con il supporto di tutte le associazioni locali e dei cittadini museghesi.

Il primo appuntamento del progetto si terrà il 16/17 giugno 2018 all’interno del circuito di eventi “Sulcis Iglesiente in Fiore”, promosso dall’Unione di Comuni Metalla e il Mare.
Durante la manifestazione un unico itinerario proporrà la realizzazione di opere murali, da parte di artisti selezionati sul territorio regionale, mentre la “Rassegna di arti, mestieri e siti di interesse culturale” proporrà visite guidate nel centro storico, un itinerario libero attraverso abitazioni tradizionali, esposizioni di manufatti frutto delle abilità locali, escursioni in fuoristrada alla riscoperta di antichi poderi, esibizioni di cori polifonici e musica tradizionale sarda, uno spettacolo di danza e la degustazione di cibi genuini.

 

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/museipaesemuseo/

In \Cielo/ Finito – lavori esposti

Foto e testi delle opere esposte da Valentina Colella, Emanuele Dainotti, Alice Gangemi e Giampaolo Parrilla @ AIR Madreselva (Montevideo)

VALENTINA COLELLA

Dove dormono le stelle 3
Video Installazione_145 Sculture

Valentina Colella continua a parlare di sogni con Where the stars sleep arrivato al terzo punto della sua costellazione. In ogni luogo l’artista sceglie secondo metodi dettati dalla coincidenza una forma essenziale della stella da riprodurre in multipli di 29 sculture. All’interno di in cielo/ finito le stelle proposte sono 116 e formano un’installazione a pavimento, mentre sulle pareti della stanza tre proiezioni sovrapposte sono la somma dei luoghi precedenti (capitolo I, Introdacqua, Italia, capitolo II, Capo di Buona Speranza, Sud Africa) e il nuovo luogo dove è stata trovata la stella matrice del capitolo III, Montevideo, Uruguay. I visitatori allo scoccare della mezzanotte sono invitati a scegliere una stella, esprimere un desiderio e portarla con sé. […]

EMANUELE DAINOTTI

Un Cuarto de Santa Maria
installazione e video in loop – 2018
(Stanza, Sigarette di contrabbando, Caña, Musica, Spazzatura)
Cantante: Lucía Trentini 
Attori: Constanza Del Sol, Natalia Renata, Ivo Rezk

In Un Cuarto de Santa Maria, Emanuele Dainotti ricostruisce la camera di un detective. La stanza racchiude le atmosfere dei romanzi di Juan Carlos Onetti, ambientati nella città immaginaria di Santa Maria. Punto focale dell’installazione è un video in loop composto da azioni in cui i piani temporali si fondono e si scontrano all’interno di una non-narrazione meta-cinematografica.

 

ALICE GANGEMI

– El sueño de Lucìa – 
Installazione e video in loop – 2018
(Racconto su carta, Fotografie, Teatro delle ombre, Video)

El sueño de Lucìa di Alice Gangemi, a partire da un’indagine sulle famiglie italiane che emigrarono in Uruguay nella prima metà del XX secolo, si delinea come una ricerca sulle radici familiari e sulla memoria individuale e intima che è strettamente connessa alla memoria collettiva. Il lavoro si configura come un’installazione onirica che unisce video, teatro delle ombre, scrittura, materiale d’archivio, fotografia e pittura.

GIAMPAOLO PARRILLA

Oltre le Colonne D’ercole
olio e acrilico su cartone
2018, trittico, 152,5×107,5

La serie pittorica unisce la potenza della decadenza al mistero che avvolge le antiche abitazioni di Montevideo. L’impatto è forte; muri scrostati ma ancora con una forte carica cromatica, i portoni enormi e sempre sbarrati, le persone che vagano senza mai entrare. Nessuno varca gli antri delle case, nessuno osa tubarne i silenzi. L’accesso alla conoscenza è negato. Gli abitanti non raccontano cosa vive dentro queste antiche dimore. Gli edifici invece non hanno mai smesso di parlare, nei tre misteri su carta del giovane artista.

Inaugurazione – 20 Aprile 2018 (FOTO)

In \cielo/ finito è il progetto espositivo frutto di un mese di ricerca presso la residenza artistica AIR Madreselva, Montevideo, Uruguay, di 4 artisti italiani, Valentina Colella, Emanuele Dainotti, Alice Gangemi, Giampaolo Parrilla. Si propone come una ricerca tesa al dialogo tra interno ed esterno. Il patio, rettangolo di energia e cuore pulsante della casa si è subito imposto come territorio denso, punto di partenza per riflessioni in divenire e stimoli differenti, che si diramano nelle varie stanze dell’antica casa coloniale. Costante punto di confronto con l’infinito, è il soffitto di vetro semovibile a decidere il confine dentro fuori. Tutte le opere presentate sono caratterizzate da una componente interattiva, il pubblico ha trovato all’ingresso una mappa/istruzioni per l’uso per orientarsi all’interno del percorso espositivo.

Musicisti: Hugo Trova, Noelia Santana, Juan Martin Cariboni, Nacho Correa

L’evento e’ stato organizzato dall’Associazione Ottovolante nell’ambito del progetto “Partecipare ad Arte”, che si realizza con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI).

Con la collaborazione della Fondazione Magistra e di Infantozzi Materiales.

IN \CIELO/ FINITO (20/4 – AIR Madreselva – Montevideo, Uruguay)

In \cielo/ finito è il progetto espositivo frutto di un mese di ricerca presso la residenza artistica AIR Madreselva, Montevideo, Uruguay, di 4 artisti italiani, Valentina Colella, Emanuele Dainotti, Alice Gangemi, Giampaolo Parrilla. Si propone come una ricerca tesa al dialogo tra interno ed esterno. Il patio, rettangolo di energia e cuore pulsante della casa si è subito imposto come territorio denso, punto di partenza per riflessioni in divenire e stimoli differenti, che si diramano nelle varie stanze dell’antica casa coloniale. Costante punto di confronto con l’infinito, è il soffitto di vetro semovibile a decidere il confine dentro fuori. Inaugurazione 20 aprile 2018 alle 19 negli spazi di Casa Madreselva, Calle Durazno 1666, Montevideo. Tutte le opere presentate sono caratterizzate da una componente  interattiva, il pubblico troverà all’ingresso una mappa/ istruzioni per l’uso per orientarsi all’interno del percorso espositivo. La mostra si realizza nell’ambito del progetto Partecipare ad Arte, scambio internazionale che coinvolge artisti italiani e uruguaiani in residenza a Bologna e a Montevideo, organizzato dall’Associazione Ottovolante di Bologna e la Fondazione Magistra di Montevideo con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Valentina Colella continua a parlare di sogni con Where the stars sleep arrivato al terzo punto della sua costellazione. In ogni luogo l’artista sceglie secondo metodi dettati dalla coincidenza una forma essenziale della stella da riprodurre in multipli di 29 sculture. All’interno di in \cielo/ finito le stelle proposte sono 116 e formano un’installazione a pavimento, mentre sulle pareti della stanza tre proiezioni sovrapposte sono la somma dei luoghi precedenti (capitolo I, Introdacqua, Italia,  capitolo II,  Capo di Buona Speranza, Sud Africa) e il nuovo luogo dove è stata trovata la stella matrice del capitolo III,  Montevideo, Uruguay. I visitatori allo scoccare della mezzanotte sono invitati a scegliere una stella, esprimere un desiderio e portarla con sé.  / In Un Cuarto de Santa Maria, Emanuele Dainotti ricostruisce la camera di un detective. La stanza racchiude le atmosfere dei romanzi di Juan Carlos Onetti, ambientati nella città immaginaria di Santa Maria. Punto focale dell’installazione è un video in loop composto da azioni in cui i piani temporali si fondono e si scontrano all’interno di una non-narrazione meta-cinematografica. / El sueño de Lucìa di Alice Gangemi, a partire da un’indagine sulle famiglie italiane che emigrarono in Uruguay nella prima metà del XX secolo, si delinea come una ricerca sulle radici familiari e sulla memoria individuale e intima che è strettamente connessa alla memoria collettiva. Il lavoro si configura come un’installazione onirica che unisce video, teatro delle ombre, scrittura, materiale d’archivio, fotografia e pittura. / La serie pittorica Oltre le colonne d’Ercole di Giampaolo Parrilla unisce la potenza della decadenza al mistero che avvolge le antiche abitazioni di Montevideo. L’impatto è forte; muri scrostati ma ancora con una forte carica cromatica, i portoni enormi e sempre sbarrati, le persone che vagano senza mai entrare. Nessuno varca gli antri delle case, nessuno osa tubarne i silenzi. L’accesso alla conoscenza è negato. Gli abitanti non raccontano cosa vive dentro queste antiche dimore. Gli edifici invece non hanno mai smesso di parlare, nei tre misteri su carta del giovane artista.

INAUGURAZIONE \  20 aprile_7pm_Casa Madreselva, Calle Durazno 1666_Montevideo

 

BIOGRAFIE

VALENTINA COLELLA (1984, Italia)

Artista internazionale e vice direttrice del magazine Le Biennali.com

I suoi lavori sono presenti in collezioni pubbliche e private.

2017 Learning, Everard Read Gallery, Città del Capo (Sud Africa)

2015 Gestures, Kaohsiung Museum of Fine Arts, (Taiwan)

2014  La Biennal de la Fin del Mundo, Mar del Plata (Argentina).

 

EMANUELE DAINOTTI (1987, Italia)

Artista e Filmmaker.

I suoi lavori sono stati presentati e premiati in mostre e festival in tutto il mondo.

2017 Filmideo (USA)

2017 Salòn internacional de la luz (Colombia)

2013 Miden Fest (Grecia).

 

ALICE GANGEMI (1993, Italia)

Si è laureata all’Accademia di Belle Arti di Bologna e ora lavora come video maker specializzata in documentari interattivi presso la casa di produzione Kinè.

2015 Gallleriapiù Bologna (Italia)

2015 DOA’15, Il documentario come opera d’arte Bologna (Italia).

 

GIAMPAOLO PARRILLA (1997, Italia)

Studia all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Lavora a diversi progetti di integrazione con rifugiati politici attraverso il fumetto.

2018 Grapich novel in uscita a giugno L’eredità di Babele in collaborazione con UNHCR

2015 Galleria Il Punto, Bologna (Italia).

 

LINK

www.valentinacolella.com

https://dainottisette.wixsite.com/emanueledainotti

https://alicegangemi.wixsite.com/alicegangemi

www.ilgirovago.com/diari/diari-spettacolo/

 

Artista o manager? (17/04 – Museo Gurvich, Montevideo)

“ARTISTA O MANAGER?”

Intervención de: Davide Banin, Valentina Colella, Emanuele Dainotti, Alice Gangemi, Giampaolo Parrilla.

Presentación organizada por la Asociación Ottovolante y SOA Arte Contemporáneo que profundiza sobre:

– Los proyectos de movilidad para jóvenes artistas entre Italia y Uruguay
– Los actores del sistema del arte y la importancia de las relaciones
– Problemáticas que un artista puede encontrar
– Reglas de sobrevivencia en la “selva del arte”
– VIDEO ARTE y CINEMA
Moderadora: Ana Gotta (SOA Arte Contemporáneo).

Martes 17 de abril – 18:30 hs

Sala de Murales – Museo Gurvich

Entrada libre